Praticare sport è fondamentale per la salute e per la qualità della vita.

Mantenere il corpo in esercizio aiuta il corretto mantenimento dei tessuti, delle articolazioni e della circolazione, ma spesso lo sport praticato intensivamente e la mancanza di conoscenze portano l’atleta a incorrere in traumi che vanno trattati in modo consistente e repentino. L’osteopatia è un alleato importante nella risoluzione di un infortunio, nell’aumento delle performance e nella preparazione delle gare; tramite un attento studio dei vari movimenti specifici, la figura dell’osteopata può essere un vario aiuto per l’atleta sia dilettantistico che professionista. Il suo ruolo è studiare i disequilibri creatisi a causa di sovraccarichi continui e risolverli mediante appropriate tecniche osteopatiche che permettono di ottimizzare e anche di prevenire.

 

Aree di Intervento:

  • Dolori muscolo-articolari
  • Disturbi post-traumatici
  • Distorsioni caviglia
  • Tendiniti
  • Stiramenti
  • Epicondilite/tunnel carpale
  • Fascite plantare
  • Aumento nelle performance

 

IL KINESIOTAPING

 

L’applicazione del Kinesiotaping avviene spesso al termine di un trattamento osteopatico.

È una tecnica che consiste nell’applicazione di un nastro adesivo elastico sulla cute con effetto terapeutico diretto locale e a distanza per via riflessa. Il nastro insieme al movimento del corpo produce micromovimenti del nastro che stimolano i recettori cutanei e quelli degli strati sottostanti, inviando stimoli esterocettivi e propriocettivi a livello del sistema nervoso centrale, che determina una risposta muscolare riflessa.

Agendo su cute, muscoli, sistema linfatico, sistema venoso e articolazioni, il Kinesiotaping raggunge sei obiettivi: alleviare il dolore, normalizza la tensione muscolare, rimuovere la congestione venosa e linfatica migliorando il drenaggio locale, migliora la vascolarizzazione sanguigna, corregge l’allineamento articolare e migliora l’assetto posturale.